Crostata con ciliegia dell’Etna

L’ Etna si sa è sempre “generosa“, in questo periodo più che mai…


Belle, rosse e piene di proprietà benefiche, le ciliegie sono depurative, disintossicanti, diuretiche e antireumatiche.

Il nome ciliegia (conosciuto in toscano come ciriègia) deriva direttamente dal latino volgare ceresia.

In dialetto siciliano viene chiamata comunemente cirasa.

Ingredienti

  • 350 g di pasta frolla surgelata
  • 250 g di yogurt
  • 70 g di pistacchi sgusciati
  • zucchero al velo
  • 2 fogli di gelatina di 5 g
  • 60 g di biscotti secchi
  • 350 g di ciliegie
  • gelatina di frutta
  • kirsch, o liquore ciliegio casalingo
  • margarina.

Procedimento

Fate ammorbidire la gelatina in una ciotola con acqua fredda.
Frullate 10 yogurt con 50 g di pistacchi e un cucchiaino colmo di zucchero al velo. Portate composto a ebollizione, quindi toglietelo dal fuoco, scioglietevi dentro la gelatina mescolando energicamente con un cucchiaio di legno e lasciate raffreddare.

Con la pasta ormai scongelata foderate il fondo e le pareti di uno stampo rotondo di 26 cm, unto di margarina. Bucherellate il fondo della pasta, coprite con carta da forno su cui distribuirete dei fagioli secchi e mettete in forno già caldo a 180° per 20 minuti. Togliete la carta con i fagioli e cuocete ancora per 6-8 minuti.

Sformate la base di pasta, ormai fredda, sbriciolatevi sopra i biscotti e coprite con lo yogurt raffreddato e un po’ rappreso. Riempite con le ciliegie lavate, scottate per 2 minuti in acqua bollente. Lucidatele con un cucchiaio di gelatina di frutta fatta sciogliere sul fuoco con un cucchiaio di kirsch, spolverizzate con i pistacchi rimasti tritati e tenete in fresco fino al momento di servire

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: